Problemi di cuore
Un racconto lunghissimo ispirato ad una storia realmente accaduta. http://www.lazybook.it/prodotto/problemi-di-cuore/

Voleva la pazzia lei, un po’ di pazzia che la sradicasse dai modi conosciuti del voler bene, da quella fastidiosa e lesiva dipendenza. “Allora è il tuo cervello che deve essere manomesso, nonna.”  Eh no. La pazzia non ha a che fare con il cervello, ma solo con i sentimenti. La pazzia nasce dall’amore o dalla mancanza di amore e ti rivolta come un calzino e tu hai voglia a tentare di frenarla. Non puoi frenare il desiderio, non puoi frenare il dolore, non puoi frenare neanche la solitudine, che sembra ferma, immobile e invece ondeggia intorno a te e cammina con te e dorme con te. “Nonna basta, mi stai spaventando.” Scusa, tesoro. Sai cosa credo? Credo che dopo questa operazione sarai diversa dalle donne della nostra famiglia, sarai libera.

Questa è una storia vera, naturalmente romanzata perché i protagonisti non siano troppo riconoscibili.

È il regalo di un’amica che sapeva quanto fossi a caccia di storie diverse dal solito. Non volevo una classica protagonista da chick-lit, che passa il suo tempo a sbronzarsi, inciampare, elencare le firme dei suoi capi di abbigliamento. Non volevo neanche una storia monocorde, perché la vita, per fortuna, non lo è.

Così lei mi ha donato il suo passato, le notti in ospedale, la cicatrice che l’ha cambiata, la sorprendente storia d’amore che dura ancora oggi.

Il racconto che ho pubblicato, Problemi di cuore, parla di lei, ma anche di come ognuno di noi avverta i propri limiti e la propria fragilità quando la vita lo trascina e lo conquista.

Siamo strani, vero? Quando scopriamo l’amore, quello con la A maiuscola, che sia amore di coppia o di genitori o una solida amicizia o una forma di amore più universale, ci sentiamo contemporaneamente ricchi, forti, spacconi e piccoli, intimiditi, preoccupati di essere all’altezza di quel dono.

Arriva un momento nella vita in cui sai che non diventerai famoso, che, nel mio caso, sei un cantastorie fortunato cui gli altri regalano un po’ di sé, fidandosi. Credo che anche questo sia uno dei compiti dello scrittore, ripagare la fiducia dei lettori, lavorando sempre al meglio, ripagare la fiducia delle muse (comprese quelle in carne e ossa) lavorando sulla verità.

 

Foto di Ylenia Mariotti (autrice anche della copertina)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...