Dove pescare nuove storie da raccontare? Come ti suggerivo in prossimità della Pasqua, le storie che un giorno narrerai sono già intorno a te, devi solo essere pronta a recepirle, a raccoglierle. Per quanto mi riguarda, annovero tra le fonti: storie personali, storie raccontate da altre persone, storie ascoltate per caso (mentre sono per strada o in un bar), eventi di cronaca o molto presenti sui social media.Le fonti dello scrittore

A partire da oggi, nella sottocategoria le fonti dello scrittore ti racconterò come attingo a ognuna di esse e che metodo uso (ammesso che il mio possa essere definito un metodo). Comincerò con le storie personali.

Raccontare la propria vita non è facile come può sembrare. Si sconfina facilmente in un elenco di eventi personali che somiglia ad un diario e che è di poca importanza per un lettore. Quando scrivo un racconto o lavoro ad un romanzo, parto spesso da storie che ho vissuto personalmente, ma non le riprendo in modo integrale e apporto molte variazioni.

racconto sport wattpad
#sport #justwriteit

Ti faccio un esempio. Ho deciso di accettare la “sfida” proposta da Wattpad e realizzare un racconto di 10.000 parole in trenta giorni. Complicato (visto che inserisco questo impegno in mezzo a mille altri), ma entusiasmante. Il tema è vincolante ed è lo sport.

Sulle prime stavo per rifiutare. Io e lo sport viviamo in mondi decisamente lontani e paralleli. Non c’è possibilità di relazione. Quindi, che fare?

Mentre ero lì che tamburellavo con le dita sulla scrivania, mi è venuto in mente che, prima di comprendere fino in fondo la mia non passione sportiva, ho frequentato diverse palestre, sin da bambina.

Cosa potevo riprendere di quegli anni e cosa modificare? Ho selezionato i dettagli più curiosi, quelli che rendevano lo sport praticato da me diverso dal solito: il tipo di palestra, di esercizi, di abilità fisica posseduta.

Ho modificato i caratteri di alcuni personaggi, per non essere troppo indiscreta. Ho reso aneddoti un paio di eventi realmente accaduti (i falli di creta, per esempio). Ho naturalmente creato un io narrante, un alter ego chiamato Gloria, che è molto più sveglia e coriacea di quanto io non fossi realmente.

Gloria rimesta nel mio passato e come un simpatico piccolo urukai emerge dal fango e costruisce una storia tutta sua. Da un materiale pre esistente ho creato un nuovo passato che appartiene a lei sola.

Torniamo a noi. Come puoi sfruttare le storie della tua vita per dar vita a romanzi e racconti? Non ci sono delle vere e proprie regole, direi quasi che ogni autore segue il proprio istinto.

Io sono di solito mi regolo così:

  • estrapolo dal mio passato solo i dettagli funzionali al racconto
    (nel mio caso, ad esempio, poco importava l’età o il nome degli istruttori di ginnastica o la via in cui erano ubicate le palestre);
  • li attribuisco ad un altro personaggio per verificare se la storia è coerente/interessante. Il nostro passato è importante perché nostro, non è detto che lo sia anche per terze persone;
  • leggo l’aneddoto che devo raccontare a persone che non sanno nulla di me (della me passata) e ne testo la reazione (lo trovano interessante, triste, divertente?). Ti stupirà scoprire che a volte la reazione altrui non è quella che avevi previsto;
  • arricchisco la storia di partenza con dettagli nuovi, legati al personaggio di cui sto parlando. So che può sembrare quasi un sacrilegio manipolare un ricordo personale, ma non sto componendo un articolo di giornale. La verità, il senso della storia, non coincidono necessariamente con la verità dell’accaduto. Il vero e il verosimile sono differenti tra loro.

Per oggi è tutto (mi sono dilungata troppo?). Ci sentiamo presto e, se ti va, seguimi su Wattpad (puoi anche scaricare l’app per smartphone).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...