suore nun sexuality

Sarà che l’Italia, la religione, il maschilismo, (insomma scegliete voi) ci hanno abituate alla dicotomia suora/puttana… sarà che per via di questa insultante spartizione perdiamo tempo a capire in quale categoria rientriamo e spesso confondiamo con emancipazione l’autorelegarci in una delle due… sarà che la vita di coppia spesso supporta i due estremi (passioni/routine)…

… sta di fatto che quando si parla di sesso tra donne, che sia sesso etero o omo, noi stesse ci esprimiamo solo a partire dalle due tipologie di donna. Nella prima, naturalmente, rientrano: la mamma (prima di tutto), le sorelle, le brave mogli, le figlie che crescono senza ormoni. Nella seconda: le cugine, le donne che fanno sesso liberamente, le amanti, quelle che decidono di non vivere all’interno di una relazione stabile.

All’interno del gruppo delle mogli e delle madri, mi sembra che ci sia un ulteriore divisione tra quelle che lo fanno solo a letto, cercando di non cambiare troppo spesso posizione e mantenendo una certa apertura alla fertilità e quelle che invece osano divertirsi con il proprio compagno.

Insomma, il sesso, per le donne è sempre una cosa sporca. E infatti quando i maschietti cominciano a giocare con i genitali è tutta una soddisfazione. Se invece lo fanno le bambine: metti via le mani. Oppure nessuno dice niente, ma si ha la percezione che stia accadendo qualcosa di sbagliato.

A farmi rabbia è soprattutto l’aggressività femminile: perché un’altra donna non può fare quello che le pare? Perché se la signora X ha una sessualità mite io mi sento attaccatta? E perché se l’altra ama i vibratori mi sento offesa? E quelle espressioni del tipo: se facesse sesso sarebbe meno acida?

Insomma, la prima schiavitù oggi, tempo in cui possiamo sottrarcene, continuiamo a darcela noi stesse, per poter mantenere la nostra posizione in relazione all’uomo che ci interessa. Mi spiego: se io tratto da schifo le altre, questo vuol dire che sono la migliore.

Questa strategia è chiamata: divide et impera. Così mentre noi perdiamo tempo a stabilire chi è più magra, più puttana, più frigida (più magra, più tettona, più giovane, più sexy) loro (gli uomini) mantegono saldo il predominio, prima che sui nostri corpi, sulle nostre menti.

Foto | textile black nuns @ Tinguely Museum via photopin (license)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...