angelo natale vintage

Quanti anni ci sono voluti prima che mi trasformassi in Scrooge? Ho sempre rimproverato a mio marito la mancanza di entusiasmo per le settimane che precedono il Natale e per il giorno stesso della festa. Non è solo una caratteristica da donna del sud, la mia: voglia di cibo, di entusiasmo, di persone raccolte attorno a un tavolo, di chiasso. No, c’è qualcosa in più come l’ostinazione nel credere nell’uomo e a volte la voglia di emigrare con i pensieri verso terre sempre e solo fertilizzate dalla positività.

Non possono, non potevano, fermarmi gli effetti collaterali del Natale: la corsa per i regali, l’acquisto di regali inutili, la delusione dei regali sbagliati, le liti tra parenti, gli amici che non ci sono più. Il buco nero anti natalizio è arrivato solo di recente.

Potrei dire che dipende dalla situazione in Siria, dai problemi della nostra Italia, da irrisolti conflitti personali. Invece, tristemente, è l’effetto di una vita vissuta credendo troppo nel prossimo. Perché non si può credere nell’Uomo e nella sua perfettibilità indiscriminatamente. Ci sono uomini e donne che cambiano e uomini e donne che crescono, altrimenti saremmo fermi all’età della pietra, ma è difficile nell’orizzonte quotidiano avere in mente un tempo più lungo della mia finitezza per poter continuare a sperare.

Cattivo Natale, che mi fa pensare a chi ha perso il diritto alla vita. Cattivo Natale in cui le persone buone che si salutano cordialmente vivono solo sui marciapiedi di improbabili paesucoli americani. Cattivo Natale in cui ci chiediamo cosa regalare a chi a tutto e forse chi ha tutto dovrebbe cominciare a dare invece che a ricevere.

Cattivo Natale, Buon Natale per piccole risicate notizie di bontà, che approdano alla mia talvolta triste talvolta cattiva coscienza. Buon Natale per un’amica lontana che in realtà non lo è mai e comunque mai più di quanto non siano lontani da me gli esseri umani che frequento ogni giorno.

Cattivo Natale, Buon Natale ché non so quanto ancora resterò qui né che senso avranno i miei pensieri. Buon Natale, che non oscilla tra due poli ma vive felice tra le mille sfumature dell’animo umano.

vetrate dio natale abbazia

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...