scrittrice, writer

 

Che si tratti di quelle natalizie, pasquali, estive, il mio istinto di narratrice gongola. Fatte le dovute differenze, è come se mi trovassi in un parco protetto con la possibilità di osservare i comportamenti di coloro che lo abitano. Perché durante le vacanze ci sono riti, abitudini, aspettative che investono tutti, senza eccezione. Persino quelli del non mi farò mai trascinare dal conformismo e dal consumismo, io sono il grinch, io mi isolo sono una comunità.

È più forte di me: tendo a notare dettagli, legami, reazioni e relazioni che agli occhi degli altri non esistono. Ho scoperto solo dopo i quarant’anni che il mondo come lo vedo io è invisibile allo sguardo altrui. Non è una mia prerogativa, naturalmente, ma degli scrittori, dei filosofi, degli psicologi, dei sociologi, degli antropologi. Sembra quasi triste detto così, vero?

In effetti, la capacità di scorgere, se vogliamo metterla in termini nerd, la matrice del mondo in cui viviamo comporta un certo costante disincanto e insieme un lavorio continuo in vista di una visione perfettile (riuscirò mai a sollevare il velo?) che è irrealizzabile, data la quantità di esseri umani e di fattori che concorrono a fare del mondo quello che è (anche quel piccolo pezzo di mondo in cui abito e al momento, davvero, è tanto tanto piccolo).

Dov’ero rimasta? Vacanze e spirito di osservazione, certo. Per chi vuole scrivere sono momenti preziosi, che regalano siparietti o attimi di tristezza. Le persone sono più vulnerabili, scrittore compreso. C’è una diffusa iper sensibilità all’allegria, alla commozione e anche alla rabbia (pensate ai pranzi con i parenti, alle liti di coppia, a quelle tra fratelli).

Quindi, i giorni di vacanza sono giorni da passare con il blocco note, di carta o virtuale, sempre a disposizione, prendendo appunti anche sui dettagli più insignificanti. Arriverà il momento in cui serviranno a caratterizzare un personaggio, a rendere più realistica una scena che stiamo descrivendo, a suggerirci le motivazioni che spingono il nostro protagonista a comportarsi in un dato modo. Perciò, buone vacanze, scrittrice o scrittore, ovunque tu ti trovi, in qualsiasi momento dell’anno tu sia. Che l’occasione ti sia propizia.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...