kids vintage

Le belle giornate di sole ci portano fuori. Io sono sempre all’erta come un coniglio, ma non per paura: è più forte di me registrare quello che mi accade intorno e chiedermi se non ci siano spunti interessanti per una nuova storia. Una volta o l’altra, mi dico accompagnando mia figlia al parco, dovrò decidermi a raccontare la vita delle mamme.

Mi capita sempre più spesso di assistere a competizioni improprie su numero dei figli, attività sportive dei figli, attività artistiche dei figli, capacità del pargolo di tenere in ordine un quaderno o di riportare velocemente il bastoncino dopo il lancio.

È una scuola di agility, in cui sembra che il figlio più bravo sia quello in grado di stare al piede senza guinzaglio. Naturalmente a figlio più bravo corrisponde mamma più brava, anzi no, più efficace (si sa che per vincere è ammessa una certa dose di scorrettezza): un’occhiata, un urlo ben assestato, un calcio nell’autostima e lui va subito a cuccia.

Altre volte sembra invece un ritrovo simil geek: tu che modello hai? Con quanta memoria? Con quali app? Di che colore? Lo alimenti a verdure? Prende spesso virus? Quanto puoi entrare nel codice per modificarlo?

È la legge del pollaio, mi ha detto una volta un’amico.

Allora vai di brodo di gallina, dico io….

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...