Una stupida storia d’amore

 

love story pixabay

Ho scritto la prima pagina di una Moleskine bianca a righe pensando: voglio scrivere una storia d’amore semplice, spensierata. Magari appassionata. Ecco, mi sono detta, prendiamo lui e lei, sposati con altre persone, che si conoscono per caso e si ritrovano a fronteggiare una passione improvvisa e senza scampo. Ero davvero allegra e curiosa di vedere quello che avrebbero combinato i miei protagonisti. Leggi altro

Annunci

Angoli bui, un regalo

posy-of-violets-1716729_1920

Per la serie, voglio leggere due righe mentre bevo il caffè, ecco un breve monologo in regalo. L’avevo composto per un concorso. Ammetto che per un attimo ho sottovalutato la portata che può avere un testo breve.

Mentre mi cimentavo con una scrittura che non mi è propria, ho tuttavia scoperto che anche in pochi caratteri, nel limite dato dal regolamento, potevo inserire quasi la trama di un’intera vita e soffrire mentre lo facevo. Leggi altro

Tre storie per San Valentino

heart-792080_1920.jpgLe tre storie da caffè che vi propongo oggi (potete leggerle anche con un solo tè bollente, rabboccato quando serve) non sono propriamente delle storie romantiche.

Superati i quaranta, a furia di confrontarmi sull’amore e sulla coppia con le mie amiche sposate e con quelle non sposate, di romanticismo vero e proprio (da romanzo classico, da poesie che fanno sospirare) me ne è rimasto pochino.

Ecco perché ho messo insieme queste tre riflessioni composte in estate.

Cocomeri rispecchia in parte una conversazione avuta con una mia carissima amica, non sposata e riguarda il modo in cui noi donne guardiamo agli uomini (noi due almeno, specialmente a partire da quest’estate quando alcuni ceffi si sono materializzati nel vicinato). Leggi altro

Problemi di cuore

Problemi di cuore
Un racconto lunghissimo ispirato ad una storia realmente accaduta. http://www.lazybook.it/prodotto/problemi-di-cuore/

Voleva la pazzia lei, un po’ di pazzia che la sradicasse dai modi conosciuti del voler bene, da quella fastidiosa e lesiva dipendenza. “Allora è il tuo cervello che deve essere manomesso, nonna.”  Eh no. La pazzia non ha a che fare con il cervello, ma solo con i sentimenti. La pazzia nasce dall’amore o dalla mancanza di amore e ti rivolta come un calzino e tu hai voglia a tentare di frenarla. Non puoi frenare il desiderio, non puoi frenare il dolore, non puoi frenare neanche la solitudine, che sembra ferma, immobile e invece ondeggia intorno a te e cammina con te e dorme con te. “Nonna basta, mi stai spaventando.” Scusa, tesoro. Sai cosa credo? Credo che dopo questa operazione sarai diversa dalle donne della nostra famiglia, sarai libera.

Questa è una storia vera, naturalmente romanzata perché i protagonisti non siano troppo riconoscibili.

Leggi altro

Quando scrivi grazie agli amici

Una lettera per Babbo Natale

Metterci la faccia non è facile, specialmente quando sei una perfezionista. Per me ci sono voluti anni. Anni e una serie di pacche di incoraggiamento (a volte urla, a volte incitazioni da allenatore di canoisti) da parte delle amiche per riuscire a pubblicare tre di racconti in ebook, nella mia piccola casa editrice (Problemi di cuore, Il completino, Tre favole di Natale). Infine, in poche settimane mi sono auto prodotta poche copie cartacee delle favole da regalare a mia figlia.  Leggi altro

Autoprodursi un libro

formato stampaPerché? Perché dovresti pagare di tasca tua la copertina, le eventuali illustrazioni e poi accollarti i testi di stampa invece di presentare il manoscritto ad un editore? Oggi ti racconto perché l’ho fatto io.

Sebbene il mio consiglio sia sempre quello di proporre sempre i propri lavori ad un editore, che non sia a pagamento naturalmente, ci sono casi in cui investire nella stampa dei propri lavori è una valida alternativa. Leggi altro

Quando la protagonista si ferma

donnaÈ lei che ha deciso. Io le ho dato una storia, un marito, un amante niente male. Ora, però, deve muoversi verso il futuro che le sto costruendo.
Temo però che non le piaccia molto perché da quando ho mandato a letto insieme quei due (lei e l’amante) non succede più niente, nella mia testa come sulla mia Moleskine. E dire che sono riuscita persino a darle un nome!
Leggi altro

Una storia d’amore

Problemi di cuore

Ero a telefono con lei, la protagonista del racconto, e le dicevo che mi sarebbe piaciuto raccontare una storia d’amore diversa dal solito. Questa cara amica mi ha detto che, volendo, potevo usare parte della sua. Così ho fatto, romanzando chiaramente gli avvenimenti.

Problemi di cuore, il mio racconto lungo lungo lunghissimo, racconta di Dalia e della sua cicatrice. Di come ha cambiato il suo mondo e la sua visione della vita, di come, involontariamente, le ha permesso di incontrare un uomo particolare, in grado di comprenderla e di sconvolgerla.

Oltre a ringraziare la mia generosa amica, devo ringraziare tutte le altre, Francesca Lancisi in testa, che mi hanno stimolata e convinta a pubblicare questo e gli altri racconti che seguiranno, Ylenia Mariotti per la belllssima copertina e Roberto Russo per l’editing e i preziosi consigli.

Potete acquistare Problemi di cuore in formato EPUB e in formato MOBI oppure chiedermene una copia da recensire sul vostro blog. Ora vado ad agitarmi un po’ davanti ad una tazza di tè, in attesa dei vostri commenti 🙂

Una signora del paese, una di quelle con cui avevo chiacchierato di più, continuava a seguirmi raccontandomi che era una strana primavera, quella, che le cicale e le lucciole di cui avevamo parlato una sera, prima che io rientrassi nell’area turisti, erano un’anomalia. Non si erano mai presentate prima che esplodesse il caldo. Buco dell’ozono? Avevo ipotizzato. Signorina! Aveva detto lei, apostrofandomi con l’aiuto del suo minaccioso indice È il fato: sta per succedere qualcosa di molto strano. Il fato?

Vittorio

blu eye manChi è Vittorio? Uno dei protagonisti del mio primo vero romanzo. La scelta dei nomi è uno dei passaggi più difficili per me. I personaggi delle mie storie hanno solitamente una personalità ben chiara ai miei occhi, ma non so mai come sono fatti fisicamente né come si chiamano.

Così, di solito, telefono ad una delle mie amiche e comincio a propinargliene alcuni. Ultimamente Vittorio sembra andare alla grande e, evento non da poco, mentre chiedevo consiglio sul suo nome ho anche cominciato a vederlo: alto, capelli scuri, sposato. Leggi altro

I miei libri

Yellow MoleskinePresto comincerò a parlare apertamente dei miei ebook, di quelli pubblicati sotto pseudonimo e di quelli che presenterò con il mio vero nome. Nel frattempo, sono alle prese con mille storie diverse, raccattando il tempo che mi serve tra le varie incombenze lavorative e familiari. A volte mi chiedo se non siano proprio questi limiti a dare uno sprint alla mia creatività. Un po’ come le storie d’amore contrastate, che sembrano più “vere” più ricche.

Una storia d’amore intanto ce l’ho con le mie Moleskine. In teoria uno scrittore non dovrebbe avere problemi a scrivere ovunque, ma nel mio caso gli ordinati e colorati taccuini di questa marca sembrano darmi una mano. Solo quelli nel formato 13 x 21, però e rigorosamente a righe. Certo, considerando che li pago quindici e passa euro l’uno, direi che la mia passione non è molto economica, ma tant’è. Passiamo invece alle mie protagoniste.

Leggi altro